2018

MANI

venerdì, maggio 11th, 2018

Michele von Büren di RvB Arts presenta la mostra collettiva MANI, prima edizione Manualità Armonia Narrazione Italiana. Con le opere di Bato, Leonardo Blanco, Lorenzo Bruschini, Lucianella Cafagna, Chiara Caselli, Alessio Deli, Fantini, Andrea Gallo, Gianlorenzo Gasperini, Vittorio Iavazzo, Arianna Matta, Claire Piredda, Nicola Pucci, Massimo Pulini, Vera Rossi, Alessandro Sicioldr e Luca Zarattini. Vernissage e cocktail: giovedì 24 e venerdì 25 maggio 2018 dalle 18.00 alle 22.30 RvB Arts - Via delle Zoccolette 28, 00186 Roma Antiquariato Valligiano - Via Giulia 193, 00186 Roma la mostra resterà aperta fino a sabato 22 settembre orari: 11:00-13:30 e 16:00-19:30; domenica e lunedì chiuso.

 

 

Michele von Büren di RvB Arts presenta

MANI

MANUALITA’
ARMONIA
NARRAZIONE
ITALIANA

Vernissage e cocktail
giovedì 24 maggio
venerdì 25 maggio
dalle 18 alle 22:30

Via delle Zoccolette 28
Via Giulia 193
00186 Roma

con le opere di


Bato    Leonardo Blanco    
Lorenzo Bruschini    Lucianella Cafagna
Chiara Caselli    Alessio Deli    
Fantini    Andrea Gallo
Gianlorenzo Gasperini    
Vittorio Iavazzo    Arianna Matta
Claire Piredda    Nicola Pucci    
Massimo Pulini    Vera Rossi
Alessandro Sicioldr    Luca Zarattini

 

la mostra resterà aperta fino a
sabato 22 settembre
orari: 11:00-13:30 e 16:00-19:30;
domenica e lunedì chiuso

Curatrice e organizzazione:
Michele von Büren di RvB Arts

Testo critico: Luisa Grigoletto

 

. . . . . . . . . .

COMUNICATO STAMPA

RvB Arts è lieta di presentare MANI, acronimo di Manualità Armonia Narrazione Italiana. Questa mostra inaugura e allo stesso tempo corona un progetto a lungo termine della galleria: la creazione di un’identità incentrata sui giovani artisti in cui il rapporto con le radici nella tradizione artistica italiana e i suoi “mestieri” è sempre fonte di nutrimento, senza per questo abbracciare una posizione “passatista”.

La galleria ha cercato, negli anni, di individuare gli artisti che, ognuno per suo conto, lavoravano con questi presupposti e di raccoglierli all’interno di un progetto comune, nonostante le differenze generazionali e stilistiche. La prima edizione di MANI consolida così i punti cardine che hanno guidato le scelte curatoriali della galleria fin dal principio:

MANUALITÀ intesa come capacità tecnica e il recupero del “mestiere”;
ARMONIA intesa come desiderio di riportare al centro dell’arte l’emozione, per raggiungere anche quel pubblico vasto e variegato che spesso si sente alienato dall’arte contemporanea; ma anche come capacità di far convivere in un unico progetto linguaggi così eterogenei;
NARRAZIONE intesa come predilezione del racconto, forma espressiva capace di favorire la connessione tra opera e fruitore;
ITALIANA in quanto l’immaginario degli artisti coinvolti si è formato in questo paese, diventando parte fondante della loro ricerca.

Le successive edizioni di MANI si terranno con cadenza annuale a maggio. Con il ripetersi della manifestazione, la galleria si propone di fare un riassunto annuale dei suoi artisti più rappresentativi di questo progetto.

MANI è inoltre la manifestazione della ricca e sempre più apprezzata attività di talent scout di Michele von Büren, gallerista e curatrice di RvB Arts. Molti dei suoi artisti hanno infatti vinto premi e partecipato a eventi internazionali, ottenendo riconoscimenti condivisi dalla critica e dal mercato. Questa prima edizione include sia artisti che hanno collaborato con la galleria dal suo inizio, che talenti emergenti individuati recentemente.

Per questa edizione 2018, anniversario del suo decimo anno di attività, la galleria propone artisti già ben noti al suo pubblico romano come il pittore e scultore Bato, fresco del successo della personale Jungle; Lorenzo Bruschini, il cui lavoro coniuga la dimensione del sogno e del mito; la pittrice Lucianella Cafagna, annoverata tra i venti artisti contemporanei più rilevanti del panorama italiano dall’Enciclopedia Treccani; la fotografa Chiara Caselli, appena rientrata dalla Biennale di Fotografia di Mosca, unica italiana accanto a Jodice, Berengo Gardin e Marsili Libelli; Fantini, che partecipa con le sue sculture in bronzo e pietra normalmente esposte esclusivamente a Parigi e in Olanda; Andrea Gallo, vincitore del Young At Art 2015 e con un’opera nel Museo di Arte Contemporanea Roberto Bilotti Ruggi d’Aragona di Rende; Gianlorenzo Gasperini, le cui opere sono state parte della collezione permanente dell’Opera Gallery di New York; Arianna Matta, pittrice romana appena conclusa la sua prima personale a Parigi; Claire Piredda, scultrice che fa uso di argilla grezza di Calcata, antico borgo dove vive e lavora; Vera Rossi, selezionata quest’anno per una personale alla Mia Photo Fair di Milano con la galleria Antonia Jannone e adesso artista della Galleria Forni di Bologna; e Luca Zarattini, giovane pittore vincitore di premi tra cui Premio Niccolini 2016, Basilio Cascella 2011 e Zingarelli 2010, e finalista al Premio Lissone 2014.

La mostra comprende anche i due giovanissimi talenti Alessandro Sicioldr, che ha già partecipato a mostre a New York, Parigi, Bruxelles, Dublino e Valencia, e lo scultore napoletano Vittorio Iavazzo, che presenterà per la prima volta le sue figure umane di cartapesta a grandezza naturale commissionategli dalla RvB Arts per MANI.

Nicola Pucci invece torna in galleria con nuove opere che confermano la forza di un lavoro che ha attirato l’attenzione di mercanti d’arte come Larry Gagosian, e di intenditori come lo è stato Carlo Bilotti, rinomato collezionista d’arte. Lo scultore Alessio Deli, che ha opere collocate in vari spazi pubblici italiani, partecipa con le sue sculture realizzate mediante l’assemblaggio e la modellazione di materiali riciclati; mentre Leonardo Blanco (2^ Biennale d’Arte di Pechino 2005 e Biennale di Venezia 2009), vincitore di numerosi premi e concorsi con opere in mostra permanente nella Repubblica di San Marino e all’estero, presenta le sue opere avvolte con le resine industriali.

In questa occasione ci sarà anche la partecipazione di Massimo Pulini, artista e storico dell’arte, docente di pittura all’Accademia di Belle Arti di Bologna, attualmente Assessore alla Cultura del Comune di Rimini. Ha esposto in sedi pubbliche italiane e internazionali tra cui le Scuderie del Quirinale, Villa Adriana di Tivoli, la Galleria Nazionale di Parma e l’Istituto Italiano di Cultura di Londra.

Jungle

venerdì, marzo 9th, 2018

RvB Arts con la sua politica di Accessible Art inaugura a Roma JUNGLE, con le opere di Bato. Vernissage e cocktail, giovedì 22 e venerdì 23 marzo 2018, dalle 18 alle 22. In via delle Zoccolette 28 e via Giulia 193, a Roma. Orario galleria. Chiuso domenica e lunedì. Fino a sabato 12 maggio 2018.

 

 

RvB ARTS inaugura a Roma la mostra personale di

Bato

JUNGLE

VERNISSAGE e COCKTAIL
giovedì 22 e venerdì 23 marzo 2018
dalle 18.00 alle 22.00

Via della Zoccolette 28
Via Giulia 193
00186 Roma

La mostra è stata prolungata fino a  sabato 19 maggio  .
Orari: 11:00-13:30 e 16:00-19:30; domenica e lunedì chiuso.

Curatrice e organizzazione: Michele von Büren di RvB Arts.

. . . . . . . . . .

COMUNICATO STAMPA

RvB Arts è lieta di presentare JUNGLE, la mostra personale del artista romano BATO che va dalla pittura alla scultura al disegno.

Nella ricerca pittorica di Bato persiste da qualche tempo un particolare interesse per la natura, in quanto fonte inesauribile di forme e colori. Con Jungle, Bato intende indagare le affinità strutturali che legano l’uomo e gli animali. Focalizzando la sua ricerca sugli abitanti della giungla, Bato traccia il suo personale bestiario, un immaginario surreale che trae ispirazione dalla lettura di numerose fonti scientifiche e dalle opere di alcuni scrittori d’avventura, tra cui Rudyard Kipling e Emilio Salgari. Le forme naturali che appaiono ai nostri occhi sono destrutturate e reinterpretate. Segni netti che mostrano il potere spietato e crudele della natura sono a volte posti a contrasto con un’intensità e una dolcezza cromatica che ne colgono il dramma.

Con Jungle l’indagine di Bato si spinge oltre, affiancando alla pittura la realizzazione di alcune opere scultoree. Mentre sulla tela evidenzia la dinamica delle forme e dei colori dei soggetti rappresentati, nella scultura i volumi che le contengono. È la prima volta che Bato espone in una mostra le sue opere plastiche, ma l’interesse per la scultura lo appassiona già da quando, appena ventenne, frequenta la bottega del maestro Alfiero Nena, da cui apprende molte delle tecniche utilizzate.

BATO nasce nel 1977 a Roma, dove attualmente vive e lavora. Durante i suoi studi liceali e universitari Bato è alla costante ricerca di stimoli e idee, sperimentando anche altri mezzi espressivi. Vive pienamente la realtà culturale della sua città, ma intraprende anche diversi e lunghi viaggi in Europa, Asia e Sud America. Conseguita la laurea in Lettere e Filosofia decide di seguire la sua vocazione di sempre dedicandosi completamente alla pittura.

Lo stile di Bato si caratterizza per la sua capacità di non rinunciare alla forma ma trasformarla in segno, un segno rapido e incisivo che contrasta con tenui e morbide sfumature di colore. Le forme che emergono con estrema leggerezza su una superficie bianca sono tracce di una realtà percepita ed elaborata. Paesaggi, personaggi, avvenimenti e ricordi di viaggio sono le fonti d’ispirazione a cui attinge per creare le sue composizioni.

Creata da Michele von Büren, RvB Arts promuove l’Accessible Art. Scova talenti emergenti e organizza mostre ed eventi con lo scopo di far conoscere l’arte contemporanea in maniera divertente ed informale, rendendola anche ‘abbordabile’ da un punto di vista economico.

. . . . . . . . . .

JUNGLE

Bestiarum vocabulum proprie convenit leonibus, pardis, tigribus, lupis et vulpibus canibusque et simiis ac ceteris, quae vel ore vel unguibus saeviunt, exceptis serpentibus. Bestiae dictae a vi, qua saeviunt.

(Il termine «bestie» spetta propriamente ai leoni, ai pardi, e tigri, ai lupi e alle volpi, ai cani e alle scimmie, e altri, che infieriscono o con la bocca o con gli artigli, non ai serpenti. Le bestie prendono nome dalla violenza con la quale infieriscono).
Isidoro di Siviglia (560 ca.- 636), Etymologiae

Nel Medioevo, i bestiari erano delle opere didattico-divulgative a carattere simbolico, allegorico e moralizzante, che raccoglievano e mescolavano conoscenze scientifiche e naturalistiche con credenze religiose e popolari, assieme a creazioni favolistiche e fantastiche sul mondo animale. Eredi dei trattati zoologici dell’antichità e della tarda antichità (tra cui le Etimologie di Isidoro da Siviglia), costruirono, tra il XII e XIII secolo, un vero e proprio genere letterario: tali enciclopedie cristiane permettevano di interpretare le meraviglie del creato in chiave edificante.

Con Jungle, la ricerca di Bato prende spunto da questa tradizione, per indagare le affinità strutturali che legano l’uomo e gli animali. Focalizzando la sua ricerca sugli abitanti della giungla, Bato traccia il suo personale bestiario contemporaneo, che si nutre di spunti tratti dalla lettura di numerose fonti scientifiche e dalle opere di alcuni scrittori d’avventura, tra cui Rudyard Kipling, Emilio Salgari e Herman Melville.

La sua tassonomia delle bestie – che include orsi, scimmie, tigri, marabù, leoni, gorilla, mandrilli e coccodrilli – sembra seguire in modo quasi letterale la definizione di Isidoro di Siviglia, per cui la bocca rappresenta il simbolo distintivo dell’aggressività e ferocità delle creature. Ed è proprio quest’elemento ad essere sempre presente nelle opere di Bato: con un tratto guizzante e sinuoso, lega così in modo indissolubile il mondo animale a quello umano sotto il segno dell’istinto e della spietatezza, passando dall’analogia all’omologia, grazie alla libera associazione delle forme. Anche le piante – spettatrici innocue solo in apparenza – rivelano spinose insidie.

Ad accentuare la violenza del soggetto concorrono l’eleganza del segno e la scelta cromatica, rarefatta in colori caldi e brillanti, impiegati in modo non realistico e stesi su vaste campiture bianche. Nonostante il senso di apparente immediatezza che le tele comunicano, il processo creativo di Bato prevede elaborati studi, schizzi e bozze, che gli permettono di creare una composizione equilibrata e armonica nella sua essenzialità, come se si trattasse di un’improvvisazione calcolata che non lascia spazio a ripensamenti.

Se le opere su tela vanno nella direzione della semplificazione e dello svuotamento della forma, fino a ridurla al suo contorno, le sculture – un nuovo capitolo della ricerca artistica di Bato – ne rappresentano invece la controparte volumetrica, con evidenti richiami tra i due.

Comparando le versioni dello stesso animale eseguite con materiali diversi quali la cera, la resina acrilica bianca, il bronzo, ed il ferro battuto (lavorato a metodo diretto, per aggiunte), riusciamo a scoprire ogni volta accenni nuovi e diversi, come se stessimo indagando un soggetto con lenti differenti. Qui il segno sembra abbandonare la natura eterea propria delle opere pittoriche e farsi concreto e tridimensionale, pur mantenendo la stessa flessuosità e il carattere impressionistico.

Con Jungle, Bato attinge ad un immaginario surreale per creare un microcosmo abitato da una nebulosa di creature: in questa stratificazione di forme ed immagini, oscilliamo tra l’animale e l’umano, sulle tracce di un’orma e l’arco di una bocca.

Luisa Grigoletto

. . . . . . . . . .

LA BESTIA RARA
a proposito di ‘Jungle: la mostra personale di Bato’

Quando penso a qualcosa di giunglesco, penso a Salgari.
In pratica funziona così: tu prendi una cosa, una qualsiasi cosa, e poi la salgari, e quella ti si ingiungla all’istante. Si ode un ruggire di tigri brunite, le fronde s’intasano di uccelli e primati, spiagge assolate, tamburi tonanti, liane e imboscate.
E poi un verde forte che sgocciola ovunque e inghiotte tutte le cose.
Da qui il mio stupore nell’aver appreso che Bato è scomparso proprio nella giungla!
Ma cosa diavolo ci fa Bato, che nell’ultima puntata s’era dato alla macchia, tra gli artigli e le ali, gli agguati striscianti e le fughe improbabili, i corni puntuti e le dita opponibili, e tutto quel verde intricato e infestante?
Vuole cambiare bevande?
Dalle misture marroni di caffè a quelle alla foglia di thè?
Così, tanto per dare una bella prima mano di verde?
Bato però sembra ridere di quello che ci aspettiamo da Bato, si prende sacco a pelo e machete, e sulla soglia della selva esclama:
“Torno alla figura.”
Boom.
Me l’ha detto la Lenzi, disperata al telefono.
“Ha detto proprio così, vammelo a riprendere, Frà!!”
“C’è una taglia?”
“Quindici guinee”
Bene, potevo starci…
Allora mi faccio prima un bel giro, poi chiamo un paio di volte la Sciarelli, poi sento che si dice tra i vicolacci bui della lurida Roma.
Mi sveglio l’ennesimo mattino e sono ancora a Pietralata, e più tempo passo qui, più mi indebolisco, mentre Bato diventa più forte ogni minuto che passa accucciato nella giungla.
Lo vedevo, tra le liane e le belve e le altre creature.
Lo avrei trovato, lui o qualche bestia rara, indicibile, misteriosa.
Rimedio finalmente un passaggio da uno zatterone a motore che risale l’Aniene e su lungo il Tevere; e approdo infine a Ponte Sisto, per raggiungere via delle Zoccolette, dove l’hanno visto l’ultima volta.
Metto piede dentro, e due belve feroci incastonate nel ferro mi intimano di guardarmi bene il passo, una volta traversato.
Tra tutte le belve, le più implacabili ed eccezionali: una tigre ed un leone.
La tigre è una C che bruisce, con dorso snellito in foglia battuta nel ferro e dopo saldata.
E’ appena atterrata e pronta alla zampata.
Il leone è una grossa corolla di pianta carnivora su una schiena possente che curva.
Nessuno, neppure la notte, oserebbe sfidarlo.
Ed era solo la soglia della giungla…
Sposto l’ampia foglia di una pianta gigante che da sola copriva la visuale, come fosse un sipario diafano e fotosintesico.
E dopo boom.
Giungla di Bato a perdita d’occhio.
Tutto parla del suo passaggio, come con Kurtz; ma lui però è passato allegro come Mogwli, ben inserito come Tarzan.
Ma che dico, di più: è un Adamo autorizzato a dare le forme alle cose, invece che i nomi!
E questo sì che è tornare alla figura, signori!
Tutto nella selva intricata è figura, ma figura che rimanda a Bato.
Alle sue curve, alle sue increspature, a quelle sue tinte e i suoi segni a carboncino.
Bato gli ha dato le forme che gli riguardano, alla giungla, fino a rimodellarsela addosso.
E si è divertito non poco, date retta a me…
Tanto per far capire che non si scherza affatto, si è triplicato:
Dipinti, schizzi e sculture.
Trino, con triplice effetto, come dio e certi dentifrici.
Uno eppure trino… ma cosa si è messo in testa?
Bato si è fatto come quei delta che sfociano enormi alla resa del Congo, si mette alla prova, è un Bato che è un Gange.
Ribadisce il concetto di forme, che anche nei diversi stili proposti, risuonano una con l’altra.
Non c’è Voodoo qui.
C’è Technicolor!!
C’è una tigre che balza feroce in triangoli neri e marroni, e il suo lungo saltare si tinge del colore delle piante che sposta, e piano si fa di un bel verde. E la tigre ha la stessa espressione da C innervosita di quella all’entrata.
Affiora dalle acque un caimano con denti di mina e armatura egizia di oro, e affiora dalle lande supreme di colore schiumato, a cui Bato ci ha già abituato. E lo stesso caimano è schizzato come in quattro momenti del giorno mentre che lui riaffiora sempre, è sempre sul far del ritorno.
Marabù si levano in macchie nere che nell’esplosione si fanno ali e code, e rossi quei becchi sulle carogne. E poi un baccano severo, una Rumble into the Jungle, l’incontro ai vertici di due gorilloni che menano e mordono, dipinti da un Bato sicuro, con macchie superbe che sì, daranno pure le forme, ma danno anche dell’altro. E lungo la schiena di uno dei due, il carboncino traccia un tratto spinale e poi triangolare, che finisce per somigliare a quelle foglie schiuse tra gli Schizzi della piante e dei fiori, la Flora di Bato.
Ancora incarnata, in bocche dentate, mucose infiammate ed alberi come montagne.
E intanto la Parata dei Mandrilli gagliardi; trittico di Ibis Scarlatto; serpenti in combutta ai danni di un Bucero, che rapido si smacchia di torno; un boa smeraldino che ingoia la scimmia; un orso che pesca; un bel babirussa a riposo vicino ad un albero (che è come un cinghiale iper-selvatico, e quindi valeva anche dire ‘cinghiale a riposo vicino ad un albero’); un insetto stecco scrostato dalla coltre verde di un muschio militare; un leone che si scontra col boa, e alla fine si mischiano insieme tale era l’impeto del primeggiare.
E gli schizzi sono gli ingredienti dei quadri, a mille cosparsi lungo i selciati, abbozzano ancora quelle forme sfuggenti, tonde e annacquate, mezzo mischiate, in parte scomposte e poi compattate.
Il gioco di Bato.
Il Regno di Cong.
Non c’è Voodoo qui, c’è il divertimento di chiudere tutto in poche forme precise e definitive.
Bato ci ha messo lo zampino dietro a questa giungla; ha architettato tutto lui.
In pratica spunta da ovunque.
S’è fatto una cattedrale vegetale e fauno autoreferenziale.
A lui le sue statue di gorilla con braccia di ponti, struggenti leoni fioriti in aprile e ruggenti, i bronzi, le resine e le cere; le matite, le chine e le techiche miste.
E’ tutto un marasma intricato di teste di C (come nella vita non credete?): le tigri, i serpenti, gli orsi, i leoni; e poi tutti i corpi a forti colori, che vanno a snellirsi in gesti veloci, fino a farsi foglie e passi leggeri.
Quando sono tornato, ho capito che non c’era alcun bisogno di cercare Bato, perché proprio con lui ero stato nelle ultime ore.
Perso lì in mezzo, tra le sue soluzioni e le sue conclusioni.
Alla fine sono entrato nella giungla e ho trovato una bestia rara.
E’ il Bato.

(inutile dire che le quindici guinee non si sono viste, no?)

Marzo 2018
Danilo Pette

CIRCUS

martedì, febbraio 20th, 2018

La Galleria RvB Arts è lieta di presentare CIRCUS, la mostra personale di MAITI. Vernissage e cocktail martedì 27 febbraio 2018, dalle 18 alle 22, in Via delle Zoccolette 28, a Roma. La mostra rimarrà aperta fino a sabato 17 marzo; orari: 11:00-13:30 e 16:00-19:30; domenica e lunedì chiuso.

 

 

RvB ARTS inaugura a Roma la mostra personale di

MAITI

CIRCUS

VERNISSAGE e COCKTAIL
martedì 27 febbraio 2018
dalle 18.00 alle 22.00

Via della Zoccolette 28 
00186 Roma 

La mostra resterà aperta fino a sabato 17 marzo.
orari: 11:00-13:30 e 16:00-19:30; domenica e lunedì chiuso

Curatrice e organizzazione: Michele von Büren di RvB Arts
Testo critico: Luisa Grigoletto

. . . . . . . . . .

COMUNICATO STAMPA – CIRCUS

RvB Arts è lieta di presentare CIRCUS, la mostra personale dell’artista piacentina MAITI.

In un turbinio di cavalli, orsi, leonesse, acrobati e tuffatori, Circus offre una parata di uomini e animali, dove giocosità, destrezza, velocità ed equilibrismo si mescolano con disciplina, rigore, disagio e patimento. Entrare nel microcosmo creato da Maiti significa essere pronti a lasciarsi trasportare in un mondo diverso, altro, per riemergerne cambiati. Attraverso l’uso di materiali disparati, di derivazione informale, Maiti indaga il rapporto e l’intersezione tra natura e cultura, tra ferinità e ammaestramento, istinto e addomesticamento.

Maiti – nome d’arte di Maria Teresa Invernizzi – nasce a Piacenza nel 1956. Autodidatta, dal 2007 comincia la sua carriera artistica con mostre personali e collettive. Si rivolge inizialmente alla pittura e poi a sculture che realizza con cartapesta e fil di ferro, ma anche con amalgama di gesso, terre, sabbia, resine e cera.

Nelle sue opere convive la contrapposizione tra il pieno, realizzato con diversi materiali, e il vuoto, dato dalla sola struttura in fil di ferro sottostante, che si intravvede e sbuca, a tratti. La mancanza di forma, in zone che sembrano quasi lacerate, determina il carattere espressionista delle sue sculture. Mentre i suoi animali rimangono in attesa di catturare l’attenzione dello spettatore, le sue esili figure si muovono armonicamente come in una danza.

Creata da Michele von Büren, RvB Arts promuove l’Accessible Art. Scova talenti emergenti e organizza mostre ed eventi con lo scopo di far conoscere l’arte contemporanea in maniera divertente ed informale, rendendola anche ‘abbordabile’ da un punto di vista economico.

. . . . . . . . . .

CIRCUS

Se nell’antica Roma il circo era il luogo in cui si svolgevano le popolarissime corse dei carri trainati dai cavalli, durante le quali gli aurighi si sfidavano in gare spesso pericolose, il circo moderno nasce nell’Inghilterra del tardo XVII secolo. Da allora, lo spettacolo è affidato a pagliacci, freak, acrobati, e feroci bestie esotiche addomesticate, e il suo successo rimane legato ai nomi di grandi famiglie circensi, tra cui spicca, tra tutti, quella di P. T. Barnum. Negli ultimi trent’anni, si è sviluppata una maggiore consapevolezza rispetto ai diritti degli animali, e molti spettacoli ora sono incentrati solamente su contorsionisti, funamboli e giocolieri.

In un turbinio di cavalli, scimmie, cani, acrobati e tuffatori, Circus raccoglie in un’unica parata uomini e animali, dove giocosità, destrezza, velocità ed equilibrismo si mescolano con disciplina, rigore, disagio e patimento. Il tutto si gioca sul filo sottile degli opposti, in una costante contrapposizione tra bianchi e neri, luce e ombra, pieni e vuoti, bidimensionalità e volumi più pronunciati.

Grazie allo studio attento e viscerale dell’anatomia, Maiti – pseudonimo di Maria Teresa Invernizzi – indaga e ricostruisce la struttura morfologica di ogni figura, attraverso l’utilizzo dei materiali più disparati, di derivazione informale: dal fil di ferro alla cartapesta, da conglomerati di gesso, terre, sabbia, cera e resina, di sua invenzione, a fascette stringicavo in plastica. L’artista sfrutta sapientemente la malleabilità della materia e la plasma in forme lineari, essenziali, scarne. Il perfetto bilanciamento delle spinte e degli snodi di forza permette di dare vita a creature armoniche e flessuose, talvolta di notevole dimensioni. Guizzi di colore scompigliano la monocromia delle opere: nelle sue teste di cavallo, così come negli acrobati-tuffatori, le sottili strisce di plastica nera di diversa misura, congiunte con diligente pazienza, si intrecciano con fili gialli e rosa, ad enfatizzare lo slancio vitale, il dinamismo, ma anche il controllo della forza. Il lavoro, quasi certosino, di calibrare in modo esatto pesi e contrappesi della materia rappresenta un elemento chiave delle opere in mostra, una sorta di percorso d’espiazione attraverso cui si sublimano grumi emotivi.

Dietro la superficie scherzosa e giocosa, oltre le acrobazie e le piroette, i salti mortali e gli equilibrismi, il circo rappresenta tuttavia anche altro: lo spazio concluso, separato, dedito alla finzione, dove agilità, destrezza e mansuetudine si raggiungono solo attraverso duri allenamenti e crudeli ammaestramenti. Il circo diviene quindi anche simbolo di patimenti e sofferenze, che scavano nel profondo. Dai corpi scarnificati dei cani accovacciati, in attesa di attenzioni, le membra macilente sembrano come sfaldarsi, attraversate da perforazioni che mettono a nudo lo scheletro di ferro sottostante; le lacerazioni, di carattere espressionista, rimandano anche all’art brut nella loro componente materica.

Entrare nel microcosmo creato da Maiti significa quindi essere pronti a lasciarsi trasportare in un mondo diverso, altro, per riemergerne cambiati: una sorta di microcosmo dove tornare bambini, ma contemporaneamente prendere coscienza di sé, accettando di fare parte di un gioco di sguardi, dove chi osserva è a sua volta osservato.

Luisa Grigoletto

scendeva simile alla notte

martedì, febbraio 20th, 2018

La Galleria RvB Arts è lieta di presentare Scendeva simile alla notte, la mostra personale di Lorenzo Bruschini. Vernissage e cocktail giovedì 22 febbraio 2018, dalle 18 alle 22, in Via delle Zoccolette 28 e Via Giulia 193, a Roma. La mostra rimarrà aperta fino a sabato 17 marzo; orari: 11:00-13:30 e 16:00-19:30; domenica e lunedì chiuso.

 

 

RvB ARTS inaugura a Roma la mostra personale di

Lorenzo Bruschini

scendeva simile
 alla notte 

VERNISSAGE e COCKTAIL
giovedì 22 febbraio 2018
dalle 18.00 alle 22.00

con presentazione del libro d’artista
scendeva simile alla notte – viaggio a Hierapytna
Editrice IanuArte

Via della Zoccolette 28 
Via Giulia 193 

00186 Roma 

La mostra resterà aperta fino a sabato 17 marzo.
orari: 11:00-13:30 e 16:00-19:30; domenica e lunedì chiuso

Curatrice e organizzazione: Michele von Büren di RvB Arts

. . . . . . . . . .

SCENDEVA SIMILE ALLA NOTTE

RvB Arts è lieta di presentare scendeva simile alla notte, la mostra personale di LORENZO BRUSCHINI.

Hierapytna è l’antico nome greco di una leggendaria città situata sulla costa sud-orientale dell’isola di Creta, le cui origini si perdono nel tempo. Essa è stata la meta del viaggio di ricerca realizzato da Lorenzo Bruschini, un triplice percorso a ritroso: geografico – da Delfi ad Olimpia, da Tebe ad Atene sino a Creta ai confini d’Europa; storico – risalendo il tempo sino alle origini della civiltà minoica (Creta, 2700 a.C.); e interiore – alla ricerca dell’identità intesa come mistero e labirinto. La mostra comprende una vasta selezione di disegni e dipinti ispirati dal viaggio e il Libro d’Artista Scendeva simile alla notte, realizzato sull’isola di Creta e pubblicato per l’occasione dalla casa editrice IanuArte in una pregiata cartella da collezione. Sarà presente l’editore Antonio Porta.

Lorenzo Bruschini è nato a Frascati nel 1974. Le opere di Bruschini sono presenti in varie fondazioni e collezioni private, sia in Italia che all’estero. Nel 2014 realizza la mostra personale Self-Shaping Paintings presso la galleria RvB Arts, in cui confluiscono le sue ricerche sul processo creativo. Nel 2016 è invitato ad esporre nei prestigiosi spazi museali delle Scuderie Aldobrandini a Frascati. Il suo Progetto Hierapytna è risultato vincitore della selezione internazionale ArtAmari Residency sull’Isola di Creta.

Creata da Michele von Büren, RvB Arts promuove l’Accessible Art. Scova talenti emergenti e organizza mostre ed eventi con lo scopo di far conoscere l’arte contemporanea in maniera divertente ed informale, rendendola anche ‘abbordabile’ da un punto di vista economico.

. . . . . . . . . .

viaggio a hierapytna

Ripetutamente ho visto Dioniso, e quando per alcuni giorni il Monte Ida è stato oscurato dal maltempo, con tuoni e fulmini ed un vento ancora più impetuoso di prima – ché tutta la valle pareva soggiogata – nella solitudine del mio atelier ho incontrato il Minotauro. Poi, in un pomeriggio di sole luminoso, ho conosciuto i colori della Morte. Ho visto Zoé, l’eterno spirito della Vita, nell’abbraccio strettissimo, dolce e vischioso come il miele delle sue api, della Signora del Labirinto. Ed anche nel volto e nei gesti di una donna anziana che porta quel nome (Zoe), intenta a ricamare con un filo bianco (di Arianna…) il simbolo minoico della spirale – archetipo della vita indistruttibile – nel villaggio di Axos sull’altro versante del Monte Ida, passaggio obbligato verso la maestosa caverna cultuale (detta di “Zeus”) che domina da millenni l’altopiano di Nida. Ma a Creta, Zeus e Dioniso sono stati nella più remota arcaicità un unico dio, forse lo “Zagreus nottivago” di cui scrive Euripide nella tragedia “I Cretesi”…

Lungo il viaggio ho trovato amici, nemici, ho mangiato e bevuto, ho visto il fuoco e Hierapytna, il Mar Libico in cui mi sono immerso nudo. Infine, indeciso e rinchiuso da giorni nel Labirinto delle identità, come Odisseo ho udito suoni melliflui più del canto delle sirene di Patra e sono dovuto risalire più indietro per non morirne… sino all’arte della guerra, e allora sono stato Achille dal piede veloce… Frattanto ho continuato – e continuerò –  a meditare sugli archetipi ultimi, l’infante con le corna – fanciullo mistico – Arianna / Aridela, forma grecizzata della Grande Madre e  archetipo femminile della generazione delle anime, ed il toro (il Minotauro è la forma umanizzata del suo culto) fino al Grande Anonimo a forma di Serpente… Con queste chiavi di lettura ho tentato di attraversare la Grecia e Creta, e poi mi sono apprestato a ripartire per Atene e di lì per Patrasso, dove mi attendeva la nave del rientro in Italia… Ed è allora che infine sono stato Teseo, e ho dovuto fronteggiare l’afflizione sulla via del rientro, dopo aver abbandonato Arianna nei pressi dell’isola di Dia. L’afflizione… non certo la morte del padre Egeo, che vedendo le vele nere issate sulla nave del figlio di ritorno da Creta si gettò nel mare spumoso che da allora porta quel nome… ma mi sono ritrovato senza soldi alla periferia di Atene per una sorta di incantesimo finanziario. E come mai avrei creduto di poter fare, afflitto per l’impotenza, ho infine venduto un disegno fatto a Creta nella stazione dei pullmann di Kifissos… per poter comprare il biglietto del bus fino a Patrasso, dove ho patito ancora fino al giorno successivo sino all’imbarco sulla nave. Ventiquattr’ore di viaggio, queste ultime, lunghissime, trascorse in una immobilità pressoché costante, interrotta solo da alcune uscite sul piccolo ponte di poppa della nave. Trascrivo dal mio diario: “Sul retro della nave che punta a nord-ovest il sole è sorto da poche ore e scalda la banchina di ferro azzurro. A gambe incrociate, seduto sul mio pezzo di Africa, sogno già ‘Elegie dall`Oceano’, il mio prossimo progetto…”

(Lorenzo Bruschini – da una lettera a Giuliana Stella del 4 Novembre, 2014)

The Secret Garden

giovedì, gennaio 18th, 2018

RvB Arts presenta la collettiva The Secret Garden. Vernissage e cocktail giovedì 25 gennaio 2018, dalle 18 alle 22. In Via delle Zoccolette 28 e Via Giulia 193, a Roma.

 

 

RvB ARTS con la sua politica di Accessible Art inaugura

The Secret Garden

mostra collettiva ispirata al celebre libro di Frances Hodgson Burnett

con le opere di

Evita Andújar   Leonardo Blanco   Lorenzo Bruschini   Lucianella Cafagna
Alessandra Carloni    Chiara Caselli    Sonia Cipollari    Fantini    Andrea Gallo
Simona Gasperini    Ida Harm    Vittorio Iavazzo     Fabio Imperiale    Arianna Matta
Kristina Milakovic    Chiara Passigli    Claire Piredda    Vera Rossi    Giulia Spernazza

 

Vernissage e cocktail
giovedì 25 gennaio 2018
dalle 18.00 alle 22.00

Via delle Zoccolette 28 and Via Giulia 193 – Roma

la mostra resterà aperta fino a sabato 17 febbraio 2018
orari: 11:00-13:30 e 16:00-19:30; domenica e lunedì chiuso
Curatrice e organizzazione: Michele von Büren di RvB Arts

. . . . . . . . . .

THE SECRET GARDEN

If you look the right way, you can see that the whole world is a garden.
(Frances Hodgson Burnett, The Secret Garden)

Per il suo primo evento del nuovo anno, RvB Arts presenta The Secret Garden, una grande mostra collettiva che prende spunto dal famoso classico inglese della letteratura per l’infanzia.

Scritto da Frances Hodgson Burnett, Il Giardino Segreto (1910/11) segue le avventure di Mary, una bambina di dieci anni rimasta orfana, e di suo cugino Colin, che ha perso la madre e si crede malato. Il romanzo racconta il lungo, difficile processo di guarigione dei due protagonisti, una guarigione che avviene, magicamente, grazie alle cure da essi fornite a un giardino segreto e proibito…

Con opere che vanno dalla pittura, alla scultura, al disegno, al collage, alla fotografia, gli artisti coinvolti si confrontano liberamente con il tema. Alcuni offrono un’interpretazione esplicita rivolta al romanzo, e altri, invece, esplorano il senso metaforico prendendo spunto dal titolo del libro per indagare un personale immaginario segreto e privato.

Creata da Michele von Büren, RvB Arts promuove l’Accessible Art. Scova talenti emergenti e organizza mostre ed eventi con lo scopo di far conoscere l’arte contemporanea in maniera divertente ed informale, rendendola anche ‘abbordabile’ da un punto di vista economico