Posts Tagged Vera Rossi

MANI

Friday, May 11th, 2018

Michele von Büren di RvB Arts presenta la mostra collettiva MANI, prima edizione Manualità Armonia Narrazione Italiana. Con le opere di Bato, Leonardo Blanco, Lorenzo Bruschini, Lucianella Cafagna, Chiara Caselli, Alessio Deli, Fantini, Andrea Gallo, Gianlorenzo Gasperini, Vittorio Iavazzo, Arianna Matta, Claire Piredda, Nicola Pucci, Massimo Pulini, Vera Rossi, Alessandro Sicioldr e Luca Zarattini. Vernissage e cocktail: giovedì 24 e venerdì 25 maggio 2018 dalle 18.00 alle 22.30 RvB Arts - Via delle Zoccolette 28, 00186 Roma Antiquariato Valligiano - Via Giulia 193, 00186 Roma la mostra resterà aperta fino a sabato 22 settembre orari: 11:00-13:30 e 16:00-19:30; domenica e lunedì chiuso.

 

 

Michele von Büren di RvB Arts presenta

MANI

MANUALITA’
ARMONIA
NARRAZIONE
ITALIANA

Vernissage e cocktail
giovedì 24 maggio
venerdì 25 maggio
dalle 18 alle 22:30

Via delle Zoccolette 28
Via Giulia 193
00186 Roma

con le opere di


Bato    Leonardo Blanco    
Lorenzo Bruschini    Lucianella Cafagna
Chiara Caselli    Alessio Deli    
Fantini    Andrea Gallo
Gianlorenzo Gasperini    
Vittorio Iavazzo    Arianna Matta
Claire Piredda    Nicola Pucci    
Massimo Pulini    Vera Rossi
Alessandro Sicioldr    Luca Zarattini

 

la mostra resterà aperta fino a
sabato 22 settembre
orari: 11:00-13:30 e 16:00-19:30;
domenica e lunedì chiuso

Curatrice e organizzazione:
Michele von Büren di RvB Arts

Testo critico: Luisa Grigoletto

 

. . . . . . . . . .

COMUNICATO STAMPA

RvB Arts è lieta di presentare MANI, acronimo di Manualità Armonia Narrazione Italiana. Questa mostra inaugura e allo stesso tempo corona un progetto a lungo termine della galleria: la creazione di un’identità incentrata sui giovani artisti in cui il rapporto con le radici nella tradizione artistica italiana e i suoi “mestieri” è sempre fonte di nutrimento, senza per questo abbracciare una posizione “passatista”.

La galleria ha cercato, negli anni, di individuare gli artisti che, ognuno per suo conto, lavoravano con questi presupposti e di raccoglierli all’interno di un progetto comune, nonostante le differenze generazionali e stilistiche. La prima edizione di MANI consolida così i punti cardine che hanno guidato le scelte curatoriali della galleria fin dal principio:

MANUALITÀ intesa come capacità tecnica e il recupero del “mestiere”;
ARMONIA intesa come desiderio di riportare al centro dell’arte l’emozione, per raggiungere anche quel pubblico vasto e variegato che spesso si sente alienato dall’arte contemporanea; ma anche come capacità di far convivere in un unico progetto linguaggi così eterogenei;
NARRAZIONE intesa come predilezione del racconto, forma espressiva capace di favorire la connessione tra opera e fruitore;
ITALIANA in quanto l’immaginario degli artisti coinvolti si è formato in questo paese, diventando parte fondante della loro ricerca.

Le successive edizioni di MANI si terranno con cadenza annuale a maggio. Con il ripetersi della manifestazione, la galleria si propone di fare un riassunto annuale dei suoi artisti più rappresentativi di questo progetto.

MANI è inoltre la manifestazione della ricca e sempre più apprezzata attività di talent scout di Michele von Büren, gallerista e curatrice di RvB Arts. Molti dei suoi artisti hanno infatti vinto premi e partecipato a eventi internazionali, ottenendo riconoscimenti condivisi dalla critica e dal mercato. Questa prima edizione include sia artisti che hanno collaborato con la galleria dal suo inizio, che talenti emergenti individuati recentemente.

Per questa edizione 2018, anniversario del suo decimo anno di attività, la galleria propone artisti già ben noti al suo pubblico romano come il pittore e scultore Bato, fresco del successo della personale Jungle; Lorenzo Bruschini, il cui lavoro coniuga la dimensione del sogno e del mito; la pittrice Lucianella Cafagna, annoverata tra i venti artisti contemporanei più rilevanti del panorama italiano dall’Enciclopedia Treccani; la fotografa Chiara Caselli, appena rientrata dalla Biennale di Fotografia di Mosca, unica italiana accanto a Jodice, Berengo Gardin e Marsili Libelli; Fantini, che partecipa con le sue sculture in bronzo e pietra normalmente esposte esclusivamente a Parigi e in Olanda; Andrea Gallo, vincitore del Young At Art 2015 e con un’opera nel Museo di Arte Contemporanea Roberto Bilotti Ruggi d’Aragona di Rende; Gianlorenzo Gasperini, le cui opere sono state parte della collezione permanente dell’Opera Gallery di New York; Arianna Matta, pittrice romana appena conclusa la sua prima personale a Parigi; Claire Piredda, scultrice che fa uso di argilla grezza di Calcata, antico borgo dove vive e lavora; Vera Rossi, selezionata quest’anno per una personale alla Mia Photo Fair di Milano con la galleria Antonia Jannone e adesso artista della Galleria Forni di Bologna; e Luca Zarattini, giovane pittore vincitore di premi tra cui Premio Niccolini 2016, Basilio Cascella 2011 e Zingarelli 2010, e finalista al Premio Lissone 2014.

La mostra comprende anche i due giovanissimi talenti Alessandro Sicioldr, che ha già partecipato a mostre a New York, Parigi, Bruxelles, Dublino e Valencia, e lo scultore napoletano Vittorio Iavazzo, che presenterà per la prima volta le sue figure umane di cartapesta a grandezza naturale commissionategli dalla RvB Arts per MANI.

Nicola Pucci invece torna in galleria con nuove opere che confermano la forza di un lavoro che ha attirato l’attenzione di mercanti d’arte come Larry Gagosian, e di intenditori come lo è stato Carlo Bilotti, rinomato collezionista d’arte. Lo scultore Alessio Deli, che ha opere collocate in vari spazi pubblici italiani, partecipa con le sue sculture realizzate mediante l’assemblaggio e la modellazione di materiali riciclati; mentre Leonardo Blanco (2^ Biennale d’Arte di Pechino 2005 e Biennale di Venezia 2009), vincitore di numerosi premi e concorsi con opere in mostra permanente nella Repubblica di San Marino e all’estero, presenta le sue opere avvolte con le resine industriali.

In questa occasione ci sarà anche la partecipazione di Massimo Pulini, artista e storico dell’arte, docente di pittura all’Accademia di Belle Arti di Bologna, attualmente Assessore alla Cultura del Comune di Rimini. Ha esposto in sedi pubbliche italiane e internazionali tra cui le Scuderie del Quirinale, Villa Adriana di Tivoli, la Galleria Nazionale di Parma e l’Istituto Italiano di Cultura di Londra.

The Secret Garden

Thursday, January 18th, 2018

RvB Arts presenta la collettiva The Secret Garden. Vernissage e cocktail giovedì 25 gennaio 2018, dalle 18 alle 22. In Via delle Zoccolette 28 e Via Giulia 193, a Roma.

 

 

RvB ARTS con la sua politica di Accessible Art inaugura

The Secret Garden

mostra collettiva ispirata al celebre libro di Frances Hodgson Burnett

con le opere di

Evita Andújar   Leonardo Blanco   Lorenzo Bruschini   Lucianella Cafagna
Alessandra Carloni    Chiara Caselli    Sonia Cipollari    Fantini    Andrea Gallo
Simona Gasperini    Ida Harm    Vittorio Iavazzo     Fabio Imperiale    Arianna Matta
Kristina Milakovic    Chiara Passigli    Claire Piredda    Vera Rossi    Giulia Spernazza

 

Vernissage e cocktail
giovedì 25 gennaio 2018
dalle 18.00 alle 22.00

Via delle Zoccolette 28 and Via Giulia 193 – Roma

la mostra resterà aperta fino a sabato 17 febbraio 2018
orari: 11:00-13:30 e 16:00-19:30; domenica e lunedì chiuso
Curatrice e organizzazione: Michele von Büren di RvB Arts

. . . . . . . . . .

THE SECRET GARDEN

If you look the right way, you can see that the whole world is a garden.
(Frances Hodgson Burnett, The Secret Garden)

Per il suo primo evento del nuovo anno, RvB Arts presenta The Secret Garden, una grande mostra collettiva che prende spunto dal famoso classico inglese della letteratura per l’infanzia.

Scritto da Frances Hodgson Burnett, Il Giardino Segreto (1910/11) segue le avventure di Mary, una bambina di dieci anni rimasta orfana, e di suo cugino Colin, che ha perso la madre e si crede malato. Il romanzo racconta il lungo, difficile processo di guarigione dei due protagonisti, una guarigione che avviene, magicamente, grazie alle cure da essi fornite a un giardino segreto e proibito…

Con opere che vanno dalla pittura, alla scultura, al disegno, al collage, alla fotografia, gli artisti coinvolti si confrontano liberamente con il tema. Alcuni offrono un’interpretazione esplicita rivolta al romanzo, e altri, invece, esplorano il senso metaforico prendendo spunto dal titolo del libro per indagare un personale immaginario segreto e privato.

Creata da Michele von Büren, RvB Arts promuove l’Accessible Art. Scova talenti emergenti e organizza mostre ed eventi con lo scopo di far conoscere l’arte contemporanea in maniera divertente ed informale, rendendola anche ‘abbordabile’ da un punto di vista economico

CRACK

Friday, September 29th, 2017

RvB ARTS con la sua politica di Accessible Art inaugura a Roma CRACK, la bipersonale con le sculture di GIANLORENZO GASPERINI e le fotografie di VERA ROSSI. Vernissage e cocktail: giovedì 5 e venerdì 6 ottobre 2017, dalle 18:00 alle 22:00, in via della Zoccolette 28, 00186 Roma. La mostra resterà aperta fino a sabato 28 ottobre. Orari: 11:00-13:30 e 16:00-19:30; domenica e lunedì chiuso. Curatrice e organizzazione: Michele von Büren di RvB Arts.

 

 

RvB Arts

La galleria RvB Arts con la sua politica di Accessible Art inaugura a Roma

CRACK

sculture

  • Gianlorenzo Gasperini

fotografie

  • Vera Rossi

Vernissage e cocktail
giovedì 5 e venerdì 6 ottobre 2017
dalle 18.00 alle 22.00

Via della Zoccolette 28
00186 Roma

La mostra resterà aperta fino a sabato 28 ottobre
orari: 11:00-13:30 e 16:00-19:30; domenica e lunedì chiuso

Curatrice e organizzazione: Michele von Büren di RvB Arts

. . . . . . . . . .

CRACK

“There’s a crack in everything, that’s how the light gets in…” (LEONARD COHEN)

Dopo l’esposizione di New York presso Morris Adjmi Architects, lo scultore Gianlorenzo Gasperini e la fotografa Vera Rossi, consolidati artisti della galleria, tornano ad esporre nuovamente insieme da RvB Arts.

Il titolo della mostra gioca sui diversi significati della parola inglese crack: crepa, crollo, ma anche instabilità o crisi e perfino divertimento.

Nelle fotografie di Rossi, spaccature, fenditure e distacchi di intonaco vengono colti dall’artista in una serie di scatti realizzati nelle Isole Eolie. La superficie materica dei muri logorati dal tempo e dagli elementi atmosferici diviene il pretesto per indagare sul concetto di frattura e attraversamento. Le immagini mostrano una realtà che si sgretola di cui le crepe diventano una metafora poetica.

Nelle sculture di Gasperini, il crack appare sia come una minaccia incombente che come gioco o divertimento. Figure umane ridotte ad archetipi essenziali si muovono in una dimensione surreale, in rapporto con oggetti improbabili, alla continua ricerca di equilibrio. Sembra che per queste figure, giocare con l’instabilità della realtà sia l’unico modo possibile di esistere nello spazio.

Nata a Milano nel 1968, Vera Rossi realizza fotografie di still life, elementi naturali ed opere d’arte. Nel 2013 alcuni suoi lavori sono stati scelti per un’installazione all’Armory Show, la principale fiera internazionale d’arte di New York, e nel 2017 ha partecipato a MIA Photo Fair di Milano. Rossi concentra la sua ricerca sul concetto del varco trascendendo attraverso l’obiettivo la realtà oggettiva delle cose. Nelle sue opere, luci e ombre svolgono una funzione fondamentale, mostrando il carattere instabile e il limite stesso della nostra percezione. Rossi riporta allo sguardo una quotidianità stratificata in cui la scelta del plexiglass in quanto medium ne accentua la densità pluridimensionale.

Gianlorenzo Gasperini è nato a Civitavecchia nel 1967. Si è diplomato all’Accademia di Belle Arti di Roma dove si è specializzato in scultura. Dal 2001 al 2012 le sue sculture hanno fatto parte dell’esposizione permanente dell’Opera Gallery di New York. I materiali di cui l’artista fa uso sono resina, bronzo e gesso. Le sue sculture, caratterizzate da un forte senso della linea e del movimento, esplorano il tema del bilanciamento e dell’equilibrio. L’ironia è una componente importante della sua ricerca: essa gli dà la possibilità di liberarsi dal pesante carico della tradizione e di operare in un presente instabile dove tutte le certezze si dissolvono.

Creata da Michele von Büren, RvB Arts promuove l’Accessible Art. Scova talenti emergenti e organizza mostre ed eventi con lo scopo di far conoscere l’arte contemporanea in maniera divertente ed informale, rendendola anche ‘abbordabile’ da un punto di vista economico.

Oscar Wilde, The Happy Prince e altre fiabe

Sunday, November 27th, 2016

RvB ARTS inaugura a Roma la mostra collettiva natalizia:

La galleria RvB ARTS con la sua politica di Accessible Art inaugura a Roma
in via delle Zoccolette e via Giulia

Oscar Wilde, The Happy Prince
e altre fiabe

mostra collettiva natalizia

con le opere di

  • Justin Bradshaw
  • Lorenzo Bruschini
  • Lucianella Cafagna
  • Chiara Caselli
  • Alessandra Gasparini
  • Simona Gasperini
  • Maiti
  • Orietta Mengucci
  • Olmo
  • Miriam Pace
  • Sergio Padovani
  • Alvaro Petritoli
  • Giulio Rigoni
  • Vera Rossi
  • Alessandro Sicioldr
  • Serena Vignolini
  • Xia Ying

via delle Zoccolette 28
via Giulia 193
00186 Roma

Vernissage e cocktail
giovedì 1 dicembre – venerdì 2 dicembre
dalle 18:00 alle 22:30

La mostra resterà aperta fino a: prolungata fino a sabato 28 gennaio
orari: 11:00-13:30 e 16:00-19:30; domenica e lunedì chiuso

info 066869505

. . . . . . . . . .

COMUNICATO STAMPA

La ricerca della bellezza è il vero segreto della vita…

OSCAR WILDE

Durante il periodo delle festività natalizie RvB Arts presenta Oscar Wilde, The Happy Prince e altre fiabe, una mostra collettiva che prende spunto dalle nove fiabe scritte dal celebre autore irlandese per intrattenere i suoi figli.

Con la sua straordinaria versatilità creativa, Wilde inventò un mondo incantato fuori dal tempo: sogni cavallereschi popolati da principi, re, streghe, nani e sirene, e perfino avventure esotiche in un Oriente di fantasia. Il principe felice, Il gigante egoista, L’usignolo e la rosa, Il pescatore e la sua anima sono alcuni dei racconti che hanno ispirato i 17 artisti coinvolti in questa collettiva dedicata a Wilde e alla sua ricerca della bellezza.

Con opere che vanno dalla pittura, alla scultura, al disegno, al collage, alla fotografia, ogni artista fornirà al visitatore un’interpretazione del tutto personale di queste favole che parlano più agli adulti che ai bambini. Come disse Wilde stesso, le fiabe furono scritte “non per fanciulli, ma per persone dall’animo fanciullesco, tra i diciotto e gli ottanta anni”.

Creata da Michele von Büren, RvB Arts promuove l’Accessible Art. Scova talenti emergenti e organizza mostre ed eventi con lo scopo di far conoscere l’arte contemporanea in maniera divertente ed informale, rendendola anche ‘abbordabile’ da un punto di vista economico